Il Polo Fermi-Giorgi al Festival del volontariato

Il gruppo di Robotica del Liceo delle Scienze Applicate dell’Istituto Fermi, che da anni sperimenta percorsi didattici innovativi, ha presentato sabato 16 aprile, al Festival del volontariato, due progetti dedicati al sociale e all’inclusione: una mano robotica stampata in 3D e la modellizzazione in 3D delle Mura di Lucca.

La mano robotica è un apparato protesico basato su un progetto open source (E-nable hand) che gli studenti del Fermi hanno realizzato col sostegno di Fastenica, spin-off della Scuola Superiore S.Anna di Pisa. Tramite la tecnologia 3D, il progetto si propone di rendere accessibili, ovunque nel mondo, protesi a basso costo destinate soprattutto ai bambini.

Il modello delle Mura si basa invece su un progetto di Valentina Rossetti, esperta di modellazione di beni culturali in 3D, che ha lo scopo di rendere le opere d’arte fruibili dai non vedenti tramite la produzione di modelli tattili stampabili sempre in 3D. Gli studenti hanno accolto i visitatori guidandoli nella costruzione degli ausilii .

I ragazzi dell’Istituto Professionale Giorgi, utilizzando rame di riciclo del settore termico, hanno proposto una lampada con un design innovativo, ed hanno aiutato i visitatori nella realizzazione personale del manufatto.

Gli studenti del Polo “Fermi – Giorgi” hanno donato al ministro Stefania Giannini, ospite d’eccezione dello stand, una riproduzione delle mura, di Porta Elisa e di Porta S. Iacopo realizzate con la stampante 3D che loro stessi hanno progettato e costruito.

Visualizzazione di _DSC0034.JPGVisualizzazione di _DSC0034.JPGVisualizzazione di _DSC0034.JPG

volontariato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

modellomura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Buchi neri primordiali per la classe II C polo “Fermi-Giorgi” di Lucca

I ragazzi della II C dell’ISI Fermi” di Lucca, accompagnati dalla prof.ssa Maria Pia Barelli e dal prof Matteo Munafó, si sono letteralmente immersi, guidati dal perfezionando della SNS Fabio Pacucci, all’interno di un buco nero primordiale nel futuristico CAVE3D. La simulazione numerica di una galassia primordiale con al centro un buco nero di 100.000 volte circa la massa del Sole è stata realizzata presso la SNS dal gruppo di Cosmologia teorica.

Il CAVE3D, la futuristica stanza per la visualizzazione virtuale immersiva e interattiva dei dati scientifici, è una delle facilities di cui si è dotato il Centro DreamsLab della SNS.

2016-04-07 10.27.48

2016-04-07 10.49.54

2016-04-07 11.00.03